Nicola Jappelli

DUE CHITARRE UN INTERPRETE

Nicola Jappelli suona repertori di differenti epoche, dal barocco alla musica d´oggi.
Ama particolarmente i grandi autori ottocenteschi (Sor, Paganini, Mertz).
Utilizza due diversi strumenti: uno romantico e uno moderno.
La sua identità di musicista si esprime in una ricerca di rigore e di inventiva e si riassume in una sensibilità tutta personale e antiretorica del suonare.

“ … troverete in Nicola Jappelli l´esecutore ideale dello strumento, per gusto, musicalità, intensità di interpretazione”.

Enzo Siciliano, Venerdì di Repubblica

“ … qui si avverte una personalità. Cioè la presenza di un musicista intelligente. Jappelli ama rischiare per delle idee non scontate e lascia come regalo la voglia di ritrovarlo presto”.

Angelo Foletto, Suonare News

“L´ascolto del disco è piacevole e convincente grazie soprattutto alla bravura, alla passione e alla precisione dell´interprete che fraseggia con buon gusto, varietà di colori e ottima qualità di suono”.

Piero Viti, Guitart

“Jappelli sussurra dolcemente con soppesata e vaporosa sensibilità le musiche di Sor, sottolineando la vena seduttiva racchiusa nello stile razionale e classico del musicista catalano”.

Massimo Rolando Zegna, Amadeus

“Here Nicola Jappelli did rather steal the show, not only because of the greater variety in his playing and repertoire, but also because there was true intensity and fire in the performance. And, considering he was using a copy of smaller-dimensioned Stauffer guitar, the range of tone colour and dynamics was more impressive still”.

Evening Herald, Plymouth UK

Chitarrista

Foto in alto da sinistra:
- Chitarra romantica dell´800,
   copia Stauffer 1830 di B. Kresse
- Chitarra classica, P. Gallinotti 1954