Nicola Jappelli

Pièces de Société

Nicola Jappelli chitarra romantica
(copia di B. Kresse 2001, da Stauffer 1830)

La chitarra si scopre nella sua anima più intima e romantica: grande protagonista delle serate colte dei salotti ottocenteschi.
Calda testimonianza e espressione di come uno strumento musicale possa dar voce a uno spirito di socialità raffinata: il linguaggio è quello dei sentimenti più delicati e delle sfumature, del virtuosimo che stupisce e conquista ma sempre con eleganza e misura.
Il grande catalano Sor guarda ancora con devozione alla classicità di Mozart. Paganini dismette il suo diabolico funambolismo violinistico in nome di un virtuosismo più dolce e sensuale. Carcassi, italiano nell´anima, è piu esplicito e diretto nella sua musicalità. Mertz guarda ammirato al romanticismo di Schubert come referente e modello.
Tutta l´Europa scopre e vede nella chitarra lo strumento d´elezione per riunire la nascente classe imprenditoriale e divertirla nei momenti di svago e di incontro: Pièces de Société appunto...

1a parte

Niccolò Paganini (1782-1840)
Tre sonate MS 84

Johann Kaspar Mertz (1806-1856)
Tre Bardenklänge

Fernando Sor (1778-1839)
Pièces de Sociètè op.33 n.3

2a parte

Matteo Carcassi (1792-1853)
Quattro studi melodici op.60

Niccolò Paganini (1782-1840)
Due sonate MS 84

Fernando Sor (1778-1839)
Pièces de Sociètè op.33 n.1

800 - 900: Scontro/Incontro fra corde

Nicola Jappelli chitarra e chitarra romantica

Il programma propone una sintesi non banale della musica chitarristica di due secoli: ricerca delle contraddizioni fra due periodi storici e confronto fra due linguaggi. L´Ottocento con la sua intimità, la sua vena romantica e la sua dimensione raffinata e salottiera, il Novecento con i suoi contrasti - a volte anche duri - le sue ritmiche, la sua contemporaneità.
Due epoche e due continenti affidati alle sonorità di due differenti strumenti, capaci di evidenziare con straordinaria energia e lirismo atmosfere profondamente diverse.

1a parte

Niccolò Paganini (1782-1840)
Tre sonate MS 84

Fernando Sor (1778-1839)
Pièces de Sociètè op.33 n.3

Johann Kaspar Mertz (1806-1856)
Tre Bardenklänge

2a parte

Leo Brouwer (1939)
Nuevos Estudios Sencillos (2001)

Nicola Jappelli (1975)
Sectional drawings (2004)

Astor Piazzolla (1921 - 1992)
Campero - Acentuado (da "Cinco Piezas" 1980)

Tra Novecento e Contemporaneità

Nicola Jappelli chitarra

Un profilo della chitarra moderna e delle sue sonorità.
Partendo dal novecento “storico” con i noti e sempre coinvolgenti Cinque preludi di Villa - Lobos, e attraverso Piazzolla - anch´esso da considerarsi un classico - si arriva alla contemporaneità e al post-moderno.
Leo Brouwer plasma nuove forme partendo dalla sua origine afro cubana e immagina una chitarra “orchestrale”, ricca di timbri e colori.
Il giapponese Takemitsu arrangia con efficaci nouances jazzistiche tre pop songs di grande bellezza e popolarità.
Infine il mio pezzo, “Light Frameworks”, ha come riferimento le esperienze compositive più recenti, ricondotte all´idiomatica indole intimista della chitarra.

1a parte

Heitor Villa Lobos (1887 - 1959)
Cinque Preludi (1940)

Astor Piazzolla (1921 - 1992)
Campero - Acentuado (da "Cinco Piezas" 1980)

2a parte

Leo Brouwer (1939)
Nuevos Estudios Sencillos (2001)

Toru Takemitsu (1930 - 1996)
3 Transcription (1977)

Nicola Jappelli (1975)
Light Frameworks (2002)

Las mujeres y cuerdas

Nicola Jappelli chitarra romantica
Pilar Moral soprano

Un interessante e raro repertorio di musiche spagnole e italiane del primo ottocento per voce e chitarra: Seguidillas, Seguidillas boleras, Tiranas e Bolero, Ariette e Canzoni.
Veri e propri capolavori dal dichiarato background popolare ma assolutamente idiomatici dello “stile italiano” e della cultura chitarristica iberica tout court.
Nei testi si parla ancora e sempre di amore, declinato dall´intensità della passione all´arguzia del gioco e incline non di rado a un erotismo criptato da doppi sensi e divertenti giochi di parole: un genere di grande e sicura presa sul pubblico. I testi, per la loro singolarità e immediatezza, si possono prestare anche ad una lettura in sala sia in italiano che in castigliano.

1a parte

Fernando Sor (1778-1839)
12 Seguidillas

Salvador Castro de Gistau (1770 - ?)
Seguidillas e Tiranas (Selezione)

2a parte

Niccolò Paganini (1782-1840)
Due Sonate MS 84 (chitarra sola)

Fernando Sor (1778-1839)
Due ariette italiane

Federico Moretti (1765-1838)
Dos canciones

Gioachino Rossini (1792-1868)
“Di tanti palpiti”
(cavatina dall´opera “Tancredi”)
(versione di Mauro Giuliani (1781-1829)

Italia ‘800 - Argentina ‘900

Jappelli & Staffini guitarduo

Il programma è articolato su due versanti della produzione chitarristica: il mondo italiano ottocentesco con Carulli e Gragnani e quello argentino con Rizzo, Pujol e tre autori della cosiddetta “Guardia Vieja”, musicisti del primo periodo storico del Tango, quello che va dall´inizio secolo fino agli anni 40.

1a parte (eseguita con chitarre romantiche)

Filippo Gragnani (1767-1812)
Duo in Sol maggiore

Ferdinando Carulli (1770-1841)
Symphonie de Haydn arrangeé

Ferdinando Carulli (1770-1841)
Duo in Re maggiore Op. 62

2a parte (eseguita con chitarre moderne)

Luis Rizzo (1945)
Tangos

Tre Tanghi della “Guardia Vieja” (anni ‘20 - ‘40)
Palomita Blanca - Los Mareados - Corazon de oro

Maximo Diego Pujol (1957)
Tango, Milonga y Final

Chitarrista
Nicola Jappelli chitarra e chitarra romantica
Nicola Jappelli chitarra romantica Pilar Moral soprano
Jappelli & Staffini guitarduo